Tradizionale uscita di Capodanno per la Canottieri San Miniato

Come di consueto, anche quest’anno la “Canottieri San Miniato” ha tenuto l’uscita in barca di Capodanno. Il tutto si è svolto nel rispetto delle indicazioni fornite da parte delle autorità in materia di prevenzione sanitaria, per garantire il continuo di una tradizione che ha luogo ormai da ventisette anni e che né le basse temperature né le intemperie stagionali sono mai riuscite a interrompere.

Questo rito, dalla funzione propiziatoria per l’attività agonistica dell’anno, è stato ben accolto dai membri della società e infatti, nonostante le numerose limitazioni, ha incontrato la partecipazione di più di trenta ragazzi con le loro famiglie, i quali hanno indossato i dispositivi di protezione individuale (mascherine) e mostrato il Green Pass all’ingresso per garantire lo svolgimento dell’evento in sicurezza.

L’organizzazione è stata sicuramente una delle chiavi che ha assicurato il successo della manifestazione, la quale aveva come orario per il ritrovo le undici, e che ha avuto inizio alle undici e trenta circa con le barche già in acqua. Queste ultime si sono allineate per tenere una vera e propria sfilata di fronte ai presenti e un saluto beneaugurante. Due delle imbarcazioni presentavano delle coppie padre-figlia, entrambi canottieri, segno della continuità della disciplina.

Una volta tornati con i piedi sulla terra ferma, ha avuto luogo un brindisi con la presenza del sindaco di San Miniato Simone Giglioli, in cui il presidente Enzo Ademollo ha ricordato e sottolineato l’importanza dell’evento per le tradizioni della società, citando gli impegni agonistici del 2022, anno ricco di eventi organizzati dalla “Canottieri San Miniato”, tra cui la gara nazionale giovanile di canottaggio nella quale è prevista la partecipazione di oltre mille ragazzi provenienti da tutta Italia.

Ha preso poi parola il sindaco, evidenziando l’importanza dell’attività che la “Canottieri” sta avendo sul lago di Roffia, nonostante la presenza di un impianto non ancora portato a termine che ha bisogno di interventi. Secondo il primo cittadino di San Miniato però, la strada per arrivare alla conclusione dei lavori che permetteranno l’organizzazione di allenamenti ed eventi sportivi nazionali e internazionali secondo le regole stabilite dalle federazioni di canoa e canottaggio, in un impianto centrale all’interno del territorio peninsulare, è quella giusta.

Alla fine degli interventi sono state scattate delle foto ricordo di questa giornata, conclusasi con il ritorno di ognuno nella propria abitazione.



Tutte le notizie di Canottaggio

<< Indietro

torna a inizio pagina