Ampliamento Ecovip, Santa Maria a Monte dice no. Stella (FI): "La Regione ne tenga conto"

La richiesta di ampliamento di Ecovip fa discutere a Santa Maria a Monte e dal Consiglio comunale arriva anche al Consiglio regionale. L'azienda di Ponticelli ha presentato un piano per aumentare la superficie delle aree produttive con una nuova tettoia di stoccaggio e selezione e un piazzale scoperto.

Sarebbe prevista anche la riorganizzazione delle aree e delle attività interne, e così aumenterebbero le tipologie di rifiuti pericolosi e non che potrebbero essere trattati a Eco Vip. Questo spaventa la maggioranza, che in Consiglio comunale pochi giorni fa ha negato l'ampliamento. Sul tavolo era presente il Paur (Provvedimento Autorizzatorio Unico Regionale) presentato alla Regione dall'azienda per aumentare la qualità e lo spazio a disposizione.

Dopo il Consiglio comunale, quello regionale. "Sui rifiuti a Santa Maria a Monte, la Regione Toscana tenga in conto il parere contrario del Comune" chiede il capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella. "Il Comune ha rilasciato parere contrario al progetto per l'ampliamento dei rifiuti pericolosi formulando il parere e il contributo tecnico istruttorio richiesto dalla Regione. Le tematiche ambientali, ferme restando le competenze regionali, non possono prescindere dagli indirizzi degli enti locali, a maggior ragione se negativi. A parole si dice di voler tutelare l'ambiente e, su questo argomento, si costruiscono le campagne elettorali. Vedremo se anche nei fatti sarà così".



Tutte le notizie di Santa Maria a Monte

<< Indietro

torna a inizio pagina