L'Ansa perde il suo direttore storico: addio a Sergio Lepri

sergio lepri

È morto l'ultracentenario ex direttore dell'Ansa Sergio Lepri. Aveva 102 anni e ha guidato la popolare agenzia di stampa dal 1962 fino al 1990, leggendo la storia di Italia dalle cronache più minute fino ai grandi cambiamenti politici della Prima Repubblica.

Originario di Firenze, è stato esponente della Resistenza con il Partito d'Azione e con i Liberali. L'esperienza nella stampa lo portò a diventare portavoce del segretario Dc di allora Amintore Fanfani, poi capo del servizio stampa. Arriva all'Ansa nel 1960 e da lì la sua lunga storia. Nel corso degli anni è stato docente e ha prodotto numerosissimi contributi per i giornalisti, dalle 'dispense' per l'esame da professionista ad altri volumi e pubblicazioni a sua firma.

Il cordoglio delle istituzioni e della politica per Sergio Lepri

“Sergio Lepri è stato uno dei massimi giornalisti italiani, esempio luminoso di un giornalismo retto e rigoroso che non dovrebbe mai passare di moda ma anzi essere viatico per le nuove generazioni di reporter”. Lo afferma il sindaco Dario Nardella, appresa la notizia della scomparsa del giornalista.

“Nel 2019 - ricorda Nardella - lo abbiamo accolto a Palazzo Vecchio per festeggiarlo in occasione dei suoi 100 anni alla presenza dei vertici dell’Agenzia Ansa, da lui a lungo diretta. Con lui si sono formati e hanno lavorato tantissimi giovani giornalisti che in quell’occasione non mancarono di essere presenti e di dimostrare il loro affetto”.

“In un tempo così frenetico e difficile, dove le notizie spesso si rincorrono senza soste e le fake news abbondano - continua - è sempre più difficile discernere la buona dalla cattiva informazione. Eppure della prima abbiamo un bisogno estremo e il giornalismo di Lepri, così sobrio, rigoroso, così attento ai fatti e non al clamore, è la via maestra da seguire”.

“Alla famiglia giungano le più sentite condoglianze dell’intera amministrazione comunale” conclude il sindaco.



Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro

torna a inizio pagina