Covid e cure intermedie, Asl attiva venticinque posti letto in provincia di Siena

Antonio D’Urso, direttore Asl Toscana Sud Est

Oggi sono stati aperti dieci posti all’ospedale di Abbadia San Salvatore


Salgono a venticinque i posti letto di cure intermedie attivati dall’Asl Toscana sud est in provincia di Siena per ospitare degenti affetti da Covid. Oggi sono stati aperti dieci posti all’ospedale di Abbadia San Salvatore, che torna così a mettersi a disposizione dell’Area vasta per supportare le strutture ospedaliere principali deputate a ospitare le aree Covid. Gli altri posti letto di cure intermedie in provincia di Siena sono nelle strutture convenzionate Quisisana e Clinica Rugani, mentre aree Covid sono state aperte anche negli ospedali di Campostaggia e Nottola, per ospitare persone positive asintomatiche che devono ricoverarsi per altre patologie.

Sono in corso altre valutazioni per completare l’offerta dei posti di cure intermedie.

“Mettiamo a disposizione professionalità, strutture, organizzazione per dare un ulteriore contributo importante nella gestione ospedaliera dei pazienti Covid, oltre al grande lavoro che da due anni stiamo svolgendo sul territorio – afferma Antonio D’Urso, direttore generale dell’Asl Toscana sud est –. L’Azienda sta attivando tutte le risorse disponibili per accrescere i posti letto di cure intermedie, che consentono di alleggerire la pressione sulle aree Covid degli ospedali. Va ringraziata la struttura di Abbadia San Salvatore e tutta la comunità dell’Amiata, per la disponibilità con cui ancora una volta svolgerà un ruolo importante per fronteggiare la pandemia”.

Nella struttura di Abbadia San Salvatore, da oggi sono attivi al primo superiore i dieci posti letto di cure intermedie, al piano inferiore gli undici di medicina generale.

Fonte: Azienda Usl Toscana sud est - Ufficio stampa



Tutte le notizie di Abbadia San Salvatore

<< Indietro

torna a inizio pagina