Esce dal coma dopo l'incidente e potrà fare l'esame di terza media a Massa

A 14 anni rischiava di finire bocciato a tavolino perché rimasto coinvolto in un incidente che a maggio lo ha portato in coma. Il giovane di Massa lo scorso 13 maggio era rimasto coinvolto nell'incidente in cui un suo amico ha perso la vita, tornando a casa da una partita di pallone. Rischiava di ripetere l'anno dopo la lotta all'ospedale di Cisanello per rimanere in vita. Dal 25 giugno è nel reparto di riabilitazione neurologica dell'ospedale Versilia di Camaiore. Se entro il 31 agosto, dice però la legge, non si presenta per superare prova scritta e orale, dovrà ripetere l'anno ma la sua assenza all'esame di terza media non gli costerà la bocciatura. Al massimo ci potrà essere l'esame a settembre.

"Non appena ho appreso del rischio di una bocciatura per l’impossibilità di sostenere la prova finale entro il 31 agosto così come previsto dal Ministero, mi sono messa in contatto con il Sindaco di Massa Francesco Persiani e il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi per dare una possibilità a questo giovane meritevole, che nel corso dell’anno scolastico aveva raggiunto ottimi risultati. Oggi la bellissima notizia da parte della dirigente dell’ufficio scolastico territoriale di Massa, Carrara e Lucca, Donatella Buonriposi che ha dato piena disponibilità affinché il ragazzo possa regolarmente sostenere l’esame e concludere così il suo ciclo di studi". Così commenta la deputata di Forza Italia e sottosegretario di Stato ai Rapporti con il Parlamento Deborah Bergamini.

"Sono sempre stata fiduciosa del buon esito della richiesta perché la scuola è vicina alle esigenze dei nostri ragazzi tanto più dopo questi due anni così difficili. Auguro tutto il bene che la vita possa offrire al ragazzo e alla sua famiglia e lo invito a continuare ad impegnarsi nello studio perché il merito e l’impegno ripagano sempre”.



Tutte le notizie di Massa

<< Indietro

torna a inizio pagina