La 'favola' dell'Us Santacroce, ammesso in Seconda Categoria

"Il lavoro paga sempre, nel calcio come nella vita. Quando dai tutto quello che hai non puoi avere rimpianti e, talvolta, può succedere che il destino decida di sorriderti". Può essere riassunta così la stagione dell’US Santacroce Calcio, società giovane e che difficilmente dimenticherà quanto accaduto negli ultimi mesi.
Il Santacroce è stato fondato nel luglio 2019: non esattamente il periodo ideale per aprire qualsiasi tipo di attività, considerando quello che poi accadrà nei mesi successivi. Nonostante tutte le difficoltà legate al Covid e al fatto di essere un club alle prime armi, il Santacroce ha continuato a crescere puntando su due principi fondamentali: lavoro e passione. Attualmente vanta 150 tesserati, divisi tra due categorie: dilettanti (prima squadra e Juniores) e settore giovanile (Allievi, Giovanissimi, Esordienti, Pulcini, Primi calci e Piccoli amici.
Come già anticipato, la stagione scorsa ha regalato emozioni forti. La prima squadra ha disputato la terza Categoria, partecipando al Girone A di Pisa. Un campionato certamente non semplice, soprattutto per una squadra dall’età media molto bassa (gran parte dei tesserati sono dei 2001). Nonostante la differenza di esperienza con molte altre squadre, il Santacroce ha saputo farsi rispettare adattandosi sempre meglio alla categoria. Ne sono una prova evidente i 14 risultati utili consecutivi conseguiti nel girone di ritorno. Un trend che ha portato il club a chiudere la regular season al terzo posto, giocandosi poi la promozione ai playoff.
Partito come “underdog” negli spareggi promozione, il Santacroce ha battuto per 2-1 il Montefoscoli al termine di una bellissima semifinale. L’ultimo ostacolo verso la promozione, rappresentato dal Terricciola, si è però rivelato fatale. Una delusione per i ragazzi di mister Guidi, ai quali comunque è andato l’applauso dei propri sostenitori per una stagione comunque positiva.
Poteva chiudersi così l’annata per il Santacroce, con l’orgoglio per quanto fatto, il sottile rimpianto per il traguardo mancato di un soffio e la voglia di riprovarci quest’anno. E invece ecco la notizia che non ti aspetti, per questo ancora più bella: in base alla graduatoria di merito stilata dalla Federazione, la squadra è stata ammessa anche dalla Seconda Categoria.
Un traguardo storico per una società – va ricordato – nata solo 3 anni fa, ma anche una responsabilità. Il Santacroce, infatti, ora dovrà dimostrare sul campo di meritarsi questa categoria, mettendo in gioco l’esperienza maturata nell’ultima stagione ma anche la leggerezza propria di una squadra con tanti ragazzi. Un nuovo capitolo sta per essere scritto, nella storia di un club giovane ma con già molto da raccontare.

Fonte: Us Santacroce



Tutte le notizie di Calcio

<< Indietro

torna a inizio pagina