Volontario toscano Vab investito nelle Marche

Un volontario della Vab (Vigilanza antincendi boschiva), un 41enne della provincia di Grosseto impegnato nelle Marche, a Senigallia con la colonna mobile della Protezione civile toscana, è stato investito volontariamente da un automobilista nei pressi di un posto di blocco.

L'uomo alla guida, un 74enne di Senigallia, voleva passare in una delle strade ancora chiuse per la rimozione di fango e detriti. Prima ha litigato con il volontario che stava presidiando le transenne, poi ha cercato di forzare lo stop, spostando le barriere, investendo di striscio il volontario, per infine fuggire senza prestare soccorso.

Il volontario, controllato in ospedale, non ha subito per fortuna niente di grave, solo contusioni. L’automobilista si è successivamente costituito ai carabinieri ed è stato indagato in stato di libertà.

Da parte del presidente della Regione, Eugenio Giani, sono arrivati affettuosa solidarietà e l’augurio di poter riprendere il proprio lavoro al fianco della popolazione colpita dal nubifragio dei giorni scorsi. Un gesto grave, sottolinea il presidente, che nessun senso di esasperazione per la difficoltà della situazione può giustificare, tanto più perché colpisce una persona che sta prestando la sua opera, con generosità e impegno, per assistere quelle comunità così duramente provate.

"Esprimo la massima solidarietà al volontario Vab della provincia di Grosseto, impegnato a Senigallia, che è stato investito da un cittadino alla guida di un'automobile mentre presidiava le transenne di una strada ancora chiusa per la rimozione di fango e detriti" ha postato su Facebook il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli.

"La nostra gratitudine va a lui, a tutti i volontari che stanno raggiungendo le Marche da ogni parte d'Italia per aiutare le popolazioni colpite e a tutti i volontari marchigiani impegnati".

 

Fonte: Regione Toscana - Ufficio Stampa



Tutte le notizie di Toscana

<< Indietro

pubblicità
torna a inizio pagina