Elezioni, Nardella: "Firenze un modello per il centrosinistra, Gianassi resta in Giunta"

Dario Nardella

“Il Pd e il centrosinistra hanno reagito molto bene sia a Firenze città che in provincia: hanno saputo interpretare questa campagna elettorale difficilissima, giocata tutta controcorrente. Vincere controcorrente vale doppio. La somma del centrodestra, rispetto alle elezioni del 2018, arretra dal 33% al 26%: c'è un dato molto significativo di Fdi a Firenze, gli alleati Lega e Fi sono ai minimi storici. Quindi noi abbiamo frenato l'ascesa del centrodestra rispetto al 2018".

È il commento del sindaco di Firenze Dario Nardella sui risultati delle elezioni nazionali riferiti capoluogo toscano.

“Vince il nostro modello di governo della città, ma non ci sfugge che anche nel nostro caso abbiamo avuto una flessione, fisiologica rispetto alla tendenza nazionale e assolutamente gestibile".

“La cosa più importante è prioritaria è cambiare il Pd, prima che il segretario. Dobbiamo avviare un processo profondo di ricostruzione da zero. La scelta del segretario è un pezzo di questo discorso, mi auguro che il dibattito di questi giorni non si riduca alla corsa dei cavalli che già si schierano perché sarebbe a mio avviso sbagliato. Per questo nei prossimi giorni avremo modo di fare riflessioni, dirò la mia e lo farò in modo molto chiaro e netto. Se pensiamo di risolvere i problemi cambiando solo il segretario facciamo un grave errore”.

Infine, Nardella ha illustrato il futuro immediato di Federico Gianassi, assessore a bilancio e commercio di Firenze ma eletto ieri alla Camera, rimandando per ora rimpasti di Giunta. "Rimarrà per il momento in giunta e lo ringrazio per questo, ci sono da chiudere alcune partite importanti come la multiutility".



Tutte le notizie di Frenze

<< Indietro

pubblicità
torna a inizio pagina