Caso Sara Scimmi, da Genova si indaga per omissione d'atti d'ufficio su Firenze

Sara Scimmi

Si riapre il caso di Sara Scimmi, ma per il momento ci si occupa di eventuali reati commessi dalla procura toscana in merito alle indagini sulla morte della 19enne a Castelfiorentino lungo la 429 il 9 settembre 2017.

La procura di Genova infatti ha aperto un fascicolo per omissione d'atti d'ufficio. Tutto era partito da un esposto presentato dalla famiglia Scimmi, dopo aver incaricato il pool legale Emme Team di Chicago per far riaprire le indagini. Non è stato riaperto ancora niente in terra toscana, ma i legali, assieme all'avvocato Antonio Guglielmelli di Napoli che segue la vicenda in Italia, hanno chiesto che sia giudicato il metodo d'indagine utilizzato in questi 5 anni.

A livello giudiziario, il camionista Milko Morelli di Santa Maria a Monte, unico imputato per il processo che ne è nato, è stato scagionato.



Tutte le notizie di Castelfiorentino

<< Indietro

pubblicità
torna a inizio pagina