Secret Florence, performance inedite rivelano in una chiave sorprendente luoghi della città nel segno del Contemporaneo

Da martedì 4 giugno fino al 16 luglio i cinque partner di respiro internazionale: Tempo Reale, Fabbrica Europa, Lo schermo dell’arte, Musicus Concentus e il Centro di Produzione della Danza Virgilio Sieni, presentano la nona edizione di uno dei festival di punta dell'Estate Fiorentina, con azioni artistiche e performance di danza, musica, arte e cinema che dialogano con il paesaggio urbano e la sua storia.

Tutte le iniziative del programma sono a ingresso gratuito

Sei giorni di performance da giugno a luglio aperte a tutti, cinque luoghi reinterpretati e svelati da eventi esclusivi, proposte artistiche che costituiscono un unicum territoriale e in taluni casi una novità assoluta nel panorama internazionale della ricerca artistica contemporanea. Secret Florence, festival consolidato dell’Estate Fiorentina, nella sua nona edizione, prosegue il dialogo di danza, musica, arte e cinema con l’architettura e il paesaggio, attraverso una serie di spazi scenici per lo più inediti o poco frequentati dal pubblico o spazi conosciuti, ma reinterpretati in chiave sorprendente.

Secret Florence torna protagonista dell’Estate fiorentina con un’offerta di altissimo livello in luoghi magici della città, che si svelano attraverso le diverse arti coinvolgendo pubblici diversi con un occhio nuovo. Una rassegna che negli anni ha anticipato le istanze innovative legate alla necessità di un approccio sostenibile alla città e alla cultura in una visione ecosistemica di interconnessione e comunità. Un’occasione affascinante per vivere luoghi da riscoprire attraverso una proposta artistica che si rinnova ogni anno” – dichiara la vicesindaca e assessora alla Cultura Alessia Bettini.

Il Chiostro del Convento del Carmine, martedì 4 giugno, apre le sue porte esclusivamente per il festival, come ogni anno, e ospita il progetto originale, a cura di Musicus Concentus, Migration Routes, basato sul dialogo tra la cultura musicale dell’Anatolia e il jazz contemporaneo. Tutto è nato dall’incontro tra il pianista italiano Stefano Maurizi e Coşkun Karademir, virtuoso degli antichi strumenti a corda e tra i maggiori esponenti della world music turca, incontro che ha prodotto un album emozionante e di grande profondità espressiva. Per questo concerto in prima assoluta si aggiunge un ospite speciale: Stefano “Cocco” Cantini, apprezzato sassofonista italiano, al sax soprano e al suplu etrusco (4/6, ore 19.00).

Al Cinema La Compagnia, Lo schermo dell’arte offre la visione dell’ultimo film del celebre artista

francese JR su Tehachapi, carcere di massima sicurezza nel deserto californiano, dove lo street artist ha fotografato per tre anni detenuti, familiari, secondini e persone sopravvissute a crimini. Il film fa luce su una realtà difficilmente accessibile e solleva domande sull’efficacia dell’arte nel cambiare il mondo e sul suo impatto sulle persone coinvolte (6/6, ore 21.00).

A Villa Carducci Pandolfini la performance Cerimonia, con la regia e coreografia di Virgilio Sieni, a cura del Centro Nazionale di Produzione della Danza Virgilio Sieni, raccoglie l’attenzione rivolta alle cose dimenticate. Attraverso sette danze Claudia Caldarano – su musica live di ASCARI - esplora i dettagli del corpo creando una costellazione di movimenti in risonanza con le macerie e i frammenti di vita recuperati dopo il terremoto de L’Aquila. Emerge una colonna vertebrale ricomposta attraverso continue metamorfosi del gesto. In collaborazione con Direzione regionale Musei nazionali Toscana del Ministero della Cultura (7/6, ore 20 e 21).

La nuova Terrazza restaurata di Villa Strozzi con Tempo Reale diventa scenario di due giorni dedicati al suono (3-4/7, ore 19.00). Letizia Renzini aka DJ Molli trascina il pubblico in una instant composition,  dal titolo Musica Perenne 1, in cui la materia sonora a disposizione – che contiene anche classici rielaborati – è plasmata e costruita live in un processo di ascolto, coabitazione e dialogo tra set e setting. Letizia Renzini è un’artista transdisciplinare dalle forme creative ibride e molteplici, DJ e regista di teatro musicale e performance (3/7, ore 19.00).
Il secondo giorno, nell’azione sonora Florentia, Francesco Giomi al live electronics dialoga in una vera partitura drammaturgica con il paesaggio sonoro di due eventi tradizionali della città: Lo Scoppio del Carro e il Calcio storico. Dopo una lunga serie di registrazioni sul campo, infatti, i materiali sono stati selezionati, editati e riproposti in chiave musicale. L’evento si svolge con la partecipazione anche di due Musici del Corteo Storico della Repubblica Fiorentina e del Calcio Storico Fiorentino (4/7, ore 19.00).

Nell’area post industriale di via della Fonderia, là dove un tempo si trovava la fonderia del Pignone, prima grande industria moderna di Firenze, nell’ampio cortile al civico 51 Fabbrica Europa presenta la performance thefutureisNOW? che prende avvio dall’azione Zen for Head (1962) di Nam June Paik, pioniere della videoarte, durante la quale l’artista immerse i capelli in un secchio di inchiostro di china e spostandosi carponi tracciò una linea sul pavimento. Le performer Silvia Calderoni e Ilenia Caleo partono da qui, dal gesto corporeo e dalla sostanza liquida, per tradurre la performance di Paik in indicazioni precise che prevedono un lavoro sulla materia, sulla traccia, sul corpo, sullo spazio e sul tempo (16/7, ore 21.00).

Tutte le iniziative del programma sono a ingresso gratuito
www.secretflorence.it

Fonte: Ufficio Stampa



Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro

torna a inizio pagina