Vinitaly 2018, Bulichella presenterà tre nuove etichette

La barriccaia di Bulichella
La barriccaia di Bulichella

Tre etichette rilette in chiave più vicina al sentire dell’azienda di oggi. È questa la novità che l’azienda vitivinicola Bulichella presenterà al Vinitaly 2018, prima tappa di un rinnovamento che proseguirà per tutto il 2018.

Bulichella è nata nel 1983 e oggi il suo fondatore Hideyuki Miyakawa porta avanti l’azienda insieme a validi collaboratori e ai figli con i quali ha intrapreso un percorso d’eccellenza e con cui ha condiviso anche questa nuova fase evolutiva.
A regime biologico fin dalla sua creazione, Bulichella produce vini sempre più apprezzati come testimoniano i riconoscimenti che l’azienda ha nel suo carnet e che, dopo il ritorno dell’enologo Luca D’Attoma, segnano con chiarezza gli obiettivi da raggiungere.

I vini in degustazione in questa 52a saranno: Tuscanio Bianco 2017, Tuscanio Rosso 2014, Sol Sera Rosato 2017, Rubino 2016, Coldipietrerosse 2013, Hide2013.
Tre le etichette rinnovate (Sol Sera, Tuscanio e Rubino) in linea con il nuovo corso aziendale che saranno rese note solo all’apertura della manifestazione. Nate dalla collaborazione progettuale tra Miyakawa Hideyuki e i figli, le nuove etichette raccontano visivamente l’azienda e la sua storia e sono state realizzate allo scenografo Francesco Sala, Orso Miyakawa e Nicolò Miyakawa con tecnica mista.

Rubino, Costa Toscana Rosso IGT, è il vino storico dell’azienda Bulichella; uvaggi di Merlot, Cabernet Sauvignon con predominanza di Sangiovese. Vino che nasce da un’attenta selezione delle uve con affinamento in acciaio e breve passaggio in barriques di secondo e terzo ciclo. Di colore brillante e vivace, al naso ricorda la ciliegia matura a cui fanno seguito note balsamiche, fresco in bocca e con tannini ben disegnati.

Sol Sera Igt Costa Toscana Rosato 100% Syrah. Colore rosa tenue con riflessi brillanti per questo vino fresco e sapido da cui emergono con intensità profumi di piccoli frutti di bosco (fragoline e lamponi), cassis e leggere sfumature di pepe bianco. Adatto a piatti a base di pesce, anche strutturati e a carni bianche.

Tuscanio Bianco Vermentino che con la sua sapidità racconta la vicinanza al mare. Uve vendemmiate a mano nelle prime ore del mattino con pressatura soffice e riposo in acciaio. Sapido e fresco, equilibrato con note di frutta gialla e sfumature di vaniglia. Perfetto con primi piatti delicati e pesce.

Tuscanio Rosso docg Suvereto Sangiovese. Il nome racconta la terra in cui nasce. Affinamento in barriques e tonneaux (50% nuove) e successivamente in bottiglia per 12 mesi. Frutti rossi e spiccate note floreali di violetta e sapore pieno e vellutato rendono il Tuscanio adatto alle carni arrostite e ai formaggi stagionati.

Coldipietrerosse docg Suvereto nasce da una vigna rivolta verso il mare dalla terra rossa e pietrosa. Blend di uve Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot attentamente selezionate. Coldipietrerosse affina in barriques di rovere con ulteriori 12 mesi in bottiglia. Ribes, mirtillo le note più intense a cui si aggiunge il tabacco per questo vino dal sapore intenso, minerale, con bei tannini e persistenza gustativa.

Hide Toscana Syrah IGT Hide è dedicato al titolare Hideyuki Miyakawa. Le uve raccolte a mano, fermentano in barriques aperte e il vino affina in barriques e tonneaux dai 18 ai 24 mesi. Dopo l’imbottigliamento si attendono altri 12 mesi prima dell’introduzione sul mercato. Di un rosso rubino pieno ha un grande impatto olfattivo: iniziali sentori di frutti rossi maturi a cui fanno seguito spezie dolci come la vaniglia e profumi tostati, fino al pepe nero per poi aprirsi a sentori di liquerizia, rabarbaro e a balsamicità mentolate che richiamano l’eucalipto. Hide è un vino potente ma ben equilibrato di buona potenza alcolica regalo del sole della Val di Cornia. Sapore pieno e avvolgente, con tannini di straordinaria intensità e dolcezza, ottima persistenza gustativa.
Hide è il vino dell’azienda che ha ricevuto più riconoscimenti.

Fonte: Ufficio stampa

Tutte le notizie di Suvereto

<< Indietro
torna a inizio pagina