Tromba d'aria in Versilia: nessun danno, ma molto spavento

(foto da Facebook)
(foto da Facebook)

Per fortuna non ha fatto danni, ma l'effetto scenico è stato clamoroso. Nella giornata di ieri, lunedì 30 aprile, una tromba d'aria è apparsa in Versilia tra Forte dei Marmi e Pietrasanta. Come detto, non ci sono state ripercussioni, ma lo 'spettacolo' è stato da film. C'è stata un po' di apprensione, ma tutto è rientrato nel giro di pochi minuti. La tromba non ha fatto danni perché non ha avuto “forza”, anche se il vento nella zona di Tonfano e Focette è stato fortissimo.

Come riferisce il meteorologo Gordon Baldacci, una tromba marina o tromba d'acqua è un fenomeno atmosferico, assimilabile alla tromba d'aria, che si sviluppa o si muove su uno specchio d'acqua (un mare, una laguna o un lago). Il fenomeno si genera in presenza di una cella temporalesca e presenta in genere una minore intensità rispetto a quello terrestre per la maggiore instabilità della base, dovuta alla presenza dell'acqua.

Le trombe si formano con maggiore frequenza sui mari caldi (ad esempio sul Mediterraneo) e nelle zone delle calme equatoriali, cioè dove sono più alte le probabilità di formazione dei sistemi nuvolosi temporaleschi. la frequenza massima si verifica nei mesi fra il termine dell'estate e l'inizio dell'autunno, ad esempio quando come in questo caso si va chiudendo una fase di caldo anomalo per la stagione, sostituito dall’ingresso d’aria in quota con una forte differenza termica, ovviamente più fredda. In Italia le trombe marine sono molto frequenti e le zone più battute sono il Friuli, la costa meridionale abruzzese, lo stretto di Messina, la costa laziale, ligure e toscana. Essendo difficilmente segnalate da qualsiasi tipo di fonte, è impossibile fornire con precisione dati statistici sulla loro incidenza.

Tutte le notizie di Forte dei Marmi

<< Indietro
torna a inizio pagina