Scoperta sorprendente, Brunelleschi lavorò alla fortificazioni di Castellina in Chianti

Organizza per sabato 27 ottobre, ore 17.30, presso la Sala Niccolai del Circolo Italia a Castellina, una pubblica conferenza


Via delle Volte, particolare del tratto originario del camminamento concepito dal Brunelleschi

Il Gruppo Archeologico Salingolpe, associazione culturale di volontariato avente sede legale a Castellina ma operante in tutta l'area Chianti, organizza per sabato 27 ottobre, ore 17.30, presso la Sala Niccolai del Circolo Italia a Castellina, una pubblica conferenza per divulgare l’importante scoperta riguardante l’intervento brunelleschiano nelle fortificazioni di Castellina in Chianti. L’evento è realizzato con il prezioso supporto dell’Associazione Circolo Italia di Castellina e unitamente ai seguenti operatori economici locali: Enoteca Le Volte, Foto Ottica Le Volte, Farmacia Berti, Ristorante Sotto le Volte, Enoteca La Cantinetta Belvedere di San Leonino, Fotografo Andrea Rontini e Taverna Squarcialupi.

Le indagini che hanno portato a individuare ampi tratti delle mura attribuibili al genio del Brunelleschi si devono al chiarissimo prof. Arch. Massimo Ricci, che terrà la conferenza “L’intervento di Brunelleschi a Castellina” per illustrare i risultati del suo studio.

«Come è noto agli storici – dichiara Vito De Meo, presidente del Gruppo Archeologico Salingolpe - dopo la devastante invasione viscontea del 1397, Firenze delibera fin dal 1400 la riedificazione fortificata di Castellina in Chianti, un processo in verità molto lento. Ciò che non sapevamo però è che l’intervento brunelleschiano non si limitò semplicemente a una generica supervisione ma, al contrario, rappresentò la parte fondamentale di tutto l’impianto fortificato. Via delle Volte, da sempre considerata una conseguenza dovuta a un successivo sviluppo edilizio con il progressivo addossarsi delle case sulle mura perimetrali, è in realtà un’opera finita, così concepita dal genio di Brunelleschi fin dal principio. Un unicum nel suo genere. Questa scoperta, che si deve al prof. Ricci, ovviamente cambia molte cose: Castellina è un centro fortificato in tutto e per tutto dall’opera del celebre architetto. Consideriamo, inoltre, questo studio anche come un’utile occasione di valorizzazione territoriale, poiché oltre a produrre un contributo importante in termini meramente storici e scientifici, arricchisce la consapevolezza civica della popolazione nonché l’attrattività turistica e culturale verso i numerosi visitatori che ogni anno trascorrono le vacanze qui in Chianti»

«I lavori di fortificazione della Castellina – specifica il prof. Massimo Ricci – si protrassero per diversi anni senza giungere a una conclusione. Nel frattempo, la guerra con la solita nemica Siena aumentò l’importanza strategica di Castellina, Rencine e Staggia, che costituivano il primo avamposto di Firenze. Proprio per questo motivo fu incaricato Filippo Brunelleschi, che per queste contrade effettuò un sopralluogo documentato nel 1431. Si può affermare che proprio alla Castellina mise in pratica, prima volta nella storia, i suoi concetti formali arrivando a concepire i primi dispositivi murari che potevano sostenere l’impatto delle prime armi a polvere da sparo. Ne sia prova il percorso interrato protetto da “volte in pietra” che inventò alla Castellina e che rivoluzionò i canoni della difesa Medievale (difesa piombante). Nel corso di alcuni sopralluoghi eseguiti personalmente ho potuto appurare che questo dispositivo difensivo, unitamente a tutto il disegno generale del castello, porta la firma del Grande architetto. Come sarà evidenziato nel corso della conferenza, l’opera di Giuliano da Sangallo, che si verificò quasi mezzo secolo più tardi (1478), si limitò solamente a lievi modifiche ai “vivi di volata” che furono semplicemente allargati per permettere l’utilizzo di armi a polvere da sparo, ormai del tutto presenti in ambito miliare e anche più potenti rispetto a quelle dei tempi del Brunelleschi. Dobbiamo ascrivere al Brunelleschi, dunque, anche i primi archetipi di fortificazioni attive contro la polvere da sparo. A Castellina in Chianti, Via delle Volte rappresenta il primo esempio di percorso di guardia interrato della storia. Durante la conferenza presenterò un breve compendio sugli archetipi dell’architettura militare del Grande Architetto che, proprio nelle mura della Castellina, ebbero il battesimo e aprirono la strada all’architettura militare del ‘500».

***************************************************************************************

Prof. MASSIMO RICCI – cenni biografici

Massimo Ricci (Firenze, 1946) è uno dei più insigni studiosi, riconosciuto a livello internazionale, del Brunelleschi, già docente presso la Facoltà di Architettura a Firenze, consulente del Forum Unesco—University and Heritage, dell'Harvard University e del Polytechnic University of Valencia. Studioso di chiara fama, da sempre coinvolto in tutti i principali documentari televisivi nazionali e internazionali (nel 2014, ad esempio, è stato intervistato anche dal National Geographic per il documentario di successo Great Cathedral Mystery, visionabile al link: https://www.youtube.com/watch?v=kkBaxFuh40E), è colui che, in modo definitivo, ha decifrato il “segreto” e la tecnica costruttiva del Brunelleschi utilizzata per l’incredibile impresa tecnologica della Cupola del Duomo di Firenze. Nell’ambito di questa ricerca quarantennale, il prof. Ricci avviò, nel 1984, la realizzazione di un Modello a grande scala della Cupola (scala 1:5), oggi visibile nel Parco dell’Anconella a Firenze. Questo modello, concepito per approfondire le verifiche sugli aspetti operativi del metodo costruttivo della Cupola ipotizzato, costituisce la conclusione delle ricerche. L’esperimento, noto ormai a livello internazionale, sta dando risultati importantissimi che permettono la decifrazione capillare della tessitura muraria della Cupola e la spiegazione razionale del ruolo di tutti i dispositivi lasciati in opera dal Brunelleschi.

Massimo Ricci ha iniziato la sua attività professionale nel 1971 occupandosi di progettazione, restauro e consolidamento dei monumenti. Dal 1983 svolge attività di docenza presso corsi di perfezionamento e di specializzazione sul Restauro dei Monumenti e sulla Tecnologia dell’Architettura. Dal 1984 ha insegnato presso la Facoltà di Architettura di Firenze tenendo i corsi di Tecnologia dell’Architettura e di Materiali Speciali dell’Edilizia. Dal 1994 al 2008 è stato responsabile tecnico della Fabbriceria della Chiesa Cattedrale di Pienza. Dal 1997 ha collaborato con la Harvard University in qualità di esperto della Cupola di Brunelleschi e della sua tecnologia. Dal 2001 svolge attività di consulenza di Tecnologia dell’Architettura Antica applicata al restauro dei monumenti presso l’Università Politecnica di Valencia partecipando a numerosi convegni internazionali. Dal 2002 è membro del Forum Unesco - University and Heritage. È presidente dell’associazione fiorentina “Filippo di Ser Brunellesco”, dedita allo studio dei problemi di conservazione del patrimonio monumentale italiano. Collabora con il National Geographic Society in qualità di esperto di tecnologia dell’architettura antica. Numerose pubblicazioni testimoniano, infine, la sua intensa attività di ricerca scientifica.

 

Fonte: Ufficio stampa

Tutte le notizie di Castellina in Chianti

<< Indietro
torna a inizio pagina