Il Viaggio della salute, Diego D'Incau fa tappa a Montelupo

Il Viaggio della salute

Questa mattina il vicesindaco  Lorenzo Nesi e l'assessore Simone Londi hanno accolto a Montelupo Fiorentino Diego D'Incau che, a piedi insieme alle asine Puina e Rosina, e l'artista Maristella, sta facendo il #ViaggiodellaSalute dal Vajont fino a Roma, dedicato alla staffetta partigiana #TinaMerlin

Nata a Trichiana (Belluno) il 19 agosto 1926, deceduta a Belluno il 22 dicembre 1991, giornalistaNota con l'abbreviativo di Tina, col quale sarebbe stata poi sempre chiamata, era entrata nella Resistenza col fratello "Toni" (che sarebbe poi caduto combattendo contro i nazifascisti al comando del Battaglione "Manara"). Dal luglio 1944 alla Liberazione, Tina sarebbe stata una coraggiosa staffetta; coraggio e determinazione che avrebbe mantenuti anche quando, nel dopoguerra, si sarebbe dedicata al giornalismo. Sposata col partigiano Aldo Sirena, che era stato tra i fondatori del CLN di Belluno, ebbe da lui un figlio a cui fu imposto il nome Antonio, in memoria del fratello caduto nella Resistenza. La carriera di giornalista di Tina Merlin cominciò con la pubblicazione di racconti nella "Pagina della donna" de l'Unità. Dal 1951 al 1982 ha lavorato nel quotidiano comunista a Belluno, Milano, Vicenza e Venezia. Consigliere provinciale a Belluno dal 1964 al 1970, Tina Merlin ha pubblicato numerosi saggi, dedicati prevalentemente al ruolo delle donne nella Resistenza; ma più che per la sua produzione letteraria è ricordata per aver messo in luce la verità sulla costruzione della diga del Vajont, che provocò la tragedia di Longarone. Inascoltata dalle istituzioni, la giornalista fu denunciata per "diffusione di notizie false e tendenziose atte a turbare l'ordine pubblico". Processata per i suoi articoli sul quotidiano comunista, fu assolta dal Tribunale di Milano. Dopo la strage del Vajont, avvenuta il 9 ottobre 1963, Tina Merlin tentò di pubblicare un libro sulla vicenda. Il titolo del volume era Sulla pelle viva. Come si costruisce una catastrofe; soltanto nel 1983 trovò un editore. Nel 1992 è stata fondata, in memoria della valorosa giornalista, una associazione culturale a lei intitolata. Grazie anche a Mario Rigoni Stern, il libro autobiografico della Merlin, La casa sulla Marteniga, è stato pubblicato postumo. Sono intitolati a Tina Merlin la scuola materna del Comune di Vajont (Pordenone) e il circolo ARCI di Montereale Valcellina (PN).
Il Viaggio della salute

Il Viaggio della salute

Fonte: Comune di Montelupo Fiorentino Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Montelupo Fiorentino

<< Indietro
torna a inizio pagina