I marmi di Henraux, la mostra a San Miniato

112

Il Rotary club di San Miniato con un incontro dal titolo “dall’Altissimo a San Miniato" ha voluto sottolineare l’importanza culturale ed artistica della mostra dedicata ai Marmi di Henraux esposti a San Miniato dai primi giorni di Novembre. Si tratta di dieci opere di scultura in marmo anche di grandi dimensioni e del peso ciascuna di qualche tonnellata, che sono il frutto di premi e di concorsi svolti dalla fondazione Henraux e rivolti soprattutto alla valorizzazione dell’opera di giovani scultori.

La mostra nasce per l’incontro fortuito, ma che si è rivelato subito proficuo, tra l’Amministrazione Comunale di San Miniato e La Fondazione Henraux, che ha sede a Querceta di Serravezza e che fa riferimento ad una grande e antichissima ditta da sempre leader della lavorazione del marmo, soprattutto di quello proveniente dalle vicine Alpi Apuane e in particolare dal monte Altissimo dove l’impresa ha le sue cave storiche e da dove si estrae un marmo bianco statuario particolarmente ricercato per opere di scultura.

Il presidente del club Rotary di San Miniato Giancarlo Giantini nel corso della presentazione si è complimentato con gli organizzatori della mostra e in particolare con il Sindaco di San Miniato Vittorio Gabbanini e con il presidente della Fondazione Henraux Paolo Carli entrambi presenti alla conviviale rotariana.

Il Sindaco Vittorio Gabbanini ha spiegato le difficoltà organizzative e logistiche che si sono dovute affrontare per allestire questa mostra, specialmente in considerazione del fatto che San Miniato è una città antica, con le strade strette e soprattutto con difficoltà di manovra per i mezzi che dovevano trasportare e movimentare le pesanti opere; si è dimostrato comunque entusiasta del risultato raggiunto, perché l’esposizione è stata a

nche una degna e importante cornice della mostra del tartufo.

Da parte sua il presidente Paolo Carli dopo aver ringraziato l’Amministrazione e la cittadinanza di San Miniato per aver ospitato questa mostra ha illustrato le finalità artistiche della sua Fondazione tutte indirizzate all’evoluzione dell’arte scultorea che utilizza il marmo come materia primario, facendo ricerca sulle nuove tecniche di lavorazione e puntando soprattutto su giovani artisti.

Sono intervenuti nella discussione Chiara Rossi Vicesindaco di San Miniato e assessore con delega alla cultura e anche di Massimo Cerbai direttore Generale di Credit Agricole, la banca che ha sponsorizzato l’operazione.

A detta di tutti questa mostra ha rappresentato un arricchimento importante e rappresenta una prima esperienza che può tracciare una linea anche da ripercorrere in futuro. Intanto i cittadini samminiatesi e i turisti possono continuare a godere ancora per un po’ di tempo queste opere che rimarranno a San Miniato almeno fino al prossimo Aprile; questa buona notizia è stata confermata proprio in occasione della riunione rotariana.

Grazie quindi al Rotary club di san Miniato che ha fornito lo spazio e l’occasione per fare il punto ed un bilancio assolutamente positivo di questa importante iniziativa culturale.

Fonte: Rotary Club San Miniato -Ufficio Stampa 

Tutte le notizie di San Miniato

<< Indietro
torna a inizio pagina