Buono come il pane, cinque fornai raccontano il mestiere agli alunni delle scuole primarie

Filone di pane
Filone di pane

Da lunedì 18 febbraio 2019, per sette appuntamenti fino ad aprile, cinque fornai di Scandicci saranno presenti nelle scuole primarie cittadine per raccontare ai bambini i segreti della preparazione dei prodotti da forno tipici della tradizione toscana, per l'iniziativa “Buono come il pane” organizzata dall'assessorato alla Pubblica istruzione del Comune di Scandicci, con la partecipazione attiva dei responsabili del servizio ristorazione scolastica dell’Amministrazione comunale, e da Cirfood. Così come due anni fa furono gli chef di quattro ristoranti cittadini a preparare le loro ricette per i servizi di ristorazione scolastica, mentre l'anno scorso sei pasticceri prepararono i loro dolci mostrando i segreti agli alunni delle diverse scuole, quest'anno i protagonisti sono i fornai del territorio, la cui adesione alla proposta dell'Amministrazione Comunale è stata fondamentale per l’organizzazione dell’iniziativa. Oltre alla manodopera i fornai forniranno anche gli ingredienti per la preparazione del pane e dei prodotti da forno.

Per la prima data, lunedì 18 febbraio 2019, il Forno di Montespertoli alla scuola primaria Toti di San Vincenzo a Torri propone la focaccia; venerdì 22 febbraio alla scuola Sandro Pertini di San Giusto il Fornaio di piazza Matteotti presenta agli alunni il pane Verna con i grani antichi; martedì 26 febbraio il panificio Pandemonio di Bellosi Renzo e Santangelo è alla scuola primaria Aldo Pettini della Piana di Settimo, con varie specialità di pane toscano; mercoledì 6 marzo, alla primaria Guglielmo Marconi di Casellina, il forno Rita presenta il pane di grani antichi di Montespertoli; martedì 12 marzo alla primaria XXV Aprile di Vingone il Forno Chiarugi propone il pane toscano; lunedì 25 marzo alla scuola primaria Dino Campana di via Allende il Fornaio di piazza Matteotti presenta il pane Verna con i grani antichi; ultimo appuntamento lunedì 15 aprile alla scuola Gabbrielli di Vingone, con il Forno di Montespertoli che propone il pan di ramerino.

“Si dice 'Buono come il pane' perché non esiste pane che non sia buono, che non sia nutrimento per chi lo mangia – spiegano i promotori dell'iniziativa - Da un punto di vista nutrizionale il pane è fonte di carboidrati, soprattutto amido. In una dieta equilibrata, in cui le calorie giornaliere devono provenire per il 50-55% dai carboidrati complessi, il pane è un alimento fondamentale che non deve mancare ed è alla base della piramide alimentare. Dal 2017 il servizio di ristorazione scolastica ha intercettato le migliori eccellenze della produzione gastronomica artigianale del territorio, allo scopo di promuovere tra i bambini e le famiglie la conoscenza di piatti e ricette tipici della tradizione, realizzati dalle migliori maestranze scandiccesi. L’intento è quello di promuovere la conoscenza dei diversi cibi e ingredienti, veicolando i profili nutrizionali più adatti, le tecniche di cottura e offrendo suggerimenti per rendere le preparazioni più salutari senza rinunciare al gusto”.

La ristorazione scolastica rappresenta un momento importante nell’educazione degli alunni, per i valori della convivialità, della conoscenza e del rispetto del cibo, della salute e del benessere, dell’importanza dello sviluppo del gusto personale, del confronto tra le diverse culture. Già per i menù ordinari il servizio di ristorazione scolastica fa largo uso di cibi a chilometri zero e biologici: vengono organizzate giornate dedicate alla sensibilizzazione alla salute e altri appuntamenti per la conoscenza di piatti di altri paesi; “Buono come il pane”, così come “Dolci Dolcezze” lo scorso anno e “A mensa con gli chef” del 2017, dà completezza ai progetti del Comune per la ristorazione scolastica, con la presentazione nelle scuole delle eccellenze del territorio.

Fonte: Comune di Scandicci - Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Scandicci

<< Indietro
torna a inizio pagina