Nuove scuola e biblioteca a San Casciano, i cantieri in corso

assessore Roberto Ciappi, cantiere scuola Bargino

La costruzione di una scuola sostenibile e rispettosa dell’ambiente, l’ampliamento di una biblioteca nel centro storico che raddoppia le postazioni e migliora l’accesso creando un unico polo culturale con il museo Giuliano Ghelli. Sono questi alcuni dei cantieri in corso di realizzazione a San Casciano, nella località Bargino e nel capoluogo messi in campo dalla giunta Pescini.

Un complesso di investimenti che si aggira complessivamente intorno ai due milioni di euro con i quali l’amministrazione comunale punta a riqualificare gli spazi pubblici e a potenziare l’edilizia scolastica. Grazie al sostegno del Governo, concesso nel 2016, che ha finanziato quasi per intero l'importo richiesto dall’amministrazione comunale nell'ambito del progetto integrato presentato dalla Città Metropolitana, si traduce in realtà il progetto di costruire una nuova scuola dell'infanzia nella frazione di Bargino.

Procedono i lavori, avviati alcuni mesi fa, per la realizzazione di un nuovo plesso scolastico, progettato dall’architetto Francesco Pruneti, in cui troveranno spazio due sezioni per una cinquantina di bambini. Un edificio indipendente che si estende su un solo piano per 500 mq2 calpestabili e una vasta area esterna corrispondente a 1000 mq2.

“La scuola, caratterizzata da una progettazione, che scommette sull’efficienza energetica dal punto di vista dell’involucro edilizio e dell’edilizia architettonica, impiegherà le diverse fonti rinnovabili in maniera integrata – dichiara l’assessore ai Lavori pubblici Roberto Ciappi - l’edificio è esposto in maniera da sfruttare l’irraggiamento solare, sarà dotato di pannelli fotovoltaici, solari termici, pompa di calore e di una cisterna per la raccolta delle acque meteoriche”.

L’ispirazione progettuale che ricorre alla struttura architettonica tipica della campagna chiantigiana darà pregio e bellezza alla scuola in cui sarà dominante l’elemento della capriata in acciaio e legno. “Un valore ancestrale dell’architettura rurale - aggiunge l’architetto Pruneti - che consentirà di utilizzare maggiore spazialità interna in altezza”. Il nuovo plesso sarà dotato inoltre di una cucina interna, uno spazio per il refettorio e due laboratori contigui che potranno essere utilizzati dalla comunità per lo svolgimento di attività di interesse pubblico, anche extrascolastiche, accessibili dall'esterno e in maniera indipendente. Altro lavoro in corso di realizzazione è l’ampliamento della biblioteca che si abbina ad una risistemazione complessiva della sala lettura di via Roma.

“Uno spazio a misura dei cittadini ed in particolare degli studenti e dei lettori in erba – aggiunge l’assessore alla Cultura Chiara Molducci - che emula il modello delle grandi biblioteche d'Italia per ampliare le postazioni e dedicare nuovi spazi gioco per i più piccoli”. Il completamento dei lavori della biblioteca è previsto entro l’estate.

Fonte: Ufficio stampa associato del Chianti Fiorentino

Tutte le notizie di San Casciano in Val di Pesa

<< Indietro
torna a inizio pagina