Elezioni, Poggianti: "Riportiamo il tribunale a Empoli". La proposta: "Procura unica tra Valdelsa e Valdera"

WhatsApp Image 2019-05-16 at 11.44.39

"Si sta aprendo un'opportunità per riportare il Tribunale a Empoli, tribunale che avrebbe una giurisdizione più ampia rispetto a quella che aveva in precedenza perché si estenderebbe anche ai comuni della Zona del Cuoio", è questo l'annuncio del candidato sindaco e Andrea Poggianti, i quale dopo aver incontrato l'avvocato Roberto Nannelli, responsabile dell'Associazione per il Tribunale di Empoli, e attraverso l'interessamento del senatore di FdI Raffaele Stanganelli, vicepresidente della Commissione Giustizia, avrebbe avviato un dialogo con Roma per riportare il presidio a Empoli.

"Il nostro impegno - spiega Poggianti - è quello di farsi portatori delle richieste dell'Associazione, riportando a Empoli un tribunale efficiente e con più organico, con una Procura della Repubblica unica tra la Valdelsa e la Valdera che può aver sede anche a Pontedera e un Giudice di Pace maggiormente potenziato e le cui spese, circa 300mila euro l'anno, in capo allo stato e non al Comune. Empoli è una delle rare eccezioni in cui le spese sono totalmente a carico dell'Ente comunale, invece per gli altri è a carico dello Stato. È importante riportare il tribunale a Empoli, perché su 137 tribunali sarebbe il novantatreesimo per dimensione per numero di abitanti, maggiore di Trieste o Catanzaro, e risponderebbe ad una vocazione imprenditoriale e manifatturiera del territorio che ha necessità di servizi vicini alle imprese e al cittadino"

Il progetto di Poggianti è esplicitamente presentato come un deciso cambio di passo rispetto alle "scelte scellerate sia del Governo Monti che del Partito Democratico", così le definisce il candidato sindaco, che si scaglia anche contro l'Amministrazione comunale per non aver ostacolato questa scelta, ma anche per l'attuale gestione dell'Ufficio di prossimità e del Giudice di Pace: "Il Tribunale e il Giudice di Pace sparirono nel 2014 a causa delle scelte scellerate sia del Governo Monti che del Partito Democratico che approvò quelle decisioni e non agì sia a livello nazionale, ma anche locale attraverso l'Unione dei Comuni per salvaguardare questi presidi di giustizia.  Quindi il tanto impegno e clamore del PD per recuperare il Giudice di Pace dopo i suoi errori e oggi per riportare il Tribunale non li rende titolati per poter parlare di questo tema. L'attuale Ufficio di Prossimità che attualmente è presente a Empoli non funziona, il Giudice di Pace è solo una misera consolazione, anche perché al momento c'è un solo giudice e serve ampliare l'organico"

Poggianti ha esposto il suo progetto nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato anche l'Avv. Andrea Capresi, candidato della Lista civica La mia Empoli, e gli Avv. Isacco Cantini e Francesca Peccianti, candidati lista Fratelli d’Italia- Unione di Centro – Il popolo della famiglia – Poggianti Sindaco.

 

Tutte le notizie di Empoli

<< Indietro
torna a inizio pagina