Premiati gli studenti eccellenti delle superiori in provincia di Prato

Una bella festa, partecipata, commovente e a tratti divertente. Protagonisti di “Mi merito una festa” i duecento diplomati eccellenti delle scuole superiori di Prato, cui la Provincia, come da tradizione, ha voluto dire “bravi” per essersi diplomati con un punteggio compreso fra 90 e 100. Nel giardino Buonamici, sfidando la pioggia sotto un cielo inizialmente incerto ma alla fine clemente, il presidente della Provincia Francesco Puggelli si è congratulato con tutti gli studenti presenti, molti di loro accompagnati dalla proprie famiglie, consegnando ad ognuno una pergamena ricordo con la citazione di John Fitzgerald Kennedy: “Il futuro non è un regalo, è una conquista.” Presenti anche il Sindaco di Prato Matteo Biffoni e il sindaco di Vernio Giovanni Morganti che hanno rivolto ai ragazzi il loro saluto.

“Da oggi siete “maturi” - ha detto loro Puggelli in un emozionante discorso – il ché vuol dire che avete una cassetta degli attrezzi in più per affrontare la vita e cioè la lezione appresa in questi cinque anni”, ma – ha continuato – i risultati non si ottengono da soli, ricordatevi un giorno, qualsiasi lavoro farete, di quella comunità pratese che via ha accompagnato, sostenuto, corretto quando era necessario, ma che soprattutto vi ha permesso di diventare “maturi” ed essere pronti ad entrare nel mondo dei “grandi”. Questa gratitudine deve tradursi in un vostro impegno”.

Ospiti della serata il campione di Para-Archery Daniele Cassani, Giulia Ghizzani giornalista di TvPrato e Filippo Guarini, direttore del Museo del tessuto di Prato che in una piacevole conversazione hanno catturato l’attenzione degli studenti presenti raccontando le loro esperienze di vita grazie a esempi concreti di sacrifico, merito e traguardi raggiunti.

Dopo aver salutato i due presidi prossimi al pensionamento, Erminio Serniotti dell’Istituto Buzzi e Tiziano Pierucci del Livi-Brunelleschi, Puggelli ha chiesto di osservare un momento di silenzio per la recente scomparsa del professor Alessandro Baiamonte, in servizio al Datini.

È stato poi il momento della premiazione: tutti gli studenti invitati hanno ricevuto la loro pergamena e nel caso dei 100 e lode un libro sulla cultura letteraria pratese direttamente dalle mani del presidente Puggelli e degli ospiti presenti.

La serata si è conclusa con un in bocca al lupo per il futuro dei ragazzi premiati, alcuni di loro già all’estero con una borsa di studio, e l’appuntamento è all’anno prossimo con i nuovi diplomati eccellenti degli istituti superiori di Prato.

Fonte: Ufficio stampa

Tutte le notizie di Prato

<< Indietro
torna a inizio pagina