La Festa dell'Amaretto si evolve e si allunga: tutto pronto a Santa Croce

(foto gonews.it)

Santa Croce sull'Arno non è solo pelli e industria, ma anche cibo e tradizioni culinarie. Dalle 10 alle 20 di domenica 8 dicembre, come da consuetudine, si terrà la Festa dell'Amaretto Santacrocese, arrivata all'edizione numero ventisette. Non è una semplice festa, ma una sorta di mostra mercato con degustazioni, workshop, dimostrazioni di cucina, assaggi, aree per bambini e altro ancora.

Al Museo della Conceria la giornata sarà dedicata interamente al prodotto tipico della città e saranno presenti ospiti illustri nella 'Amaretto Lounge': lo chef Gilberto Rossi dal Pepenero di San Miniato, lo staffolese Stefano Quaglierini, influencer del vino e fondatore di Italian_wines, il dj fucecchiese Federico Scavo con uno speciale dj set, un altro chef d'eccezione come Maurizio Barbara e l'attore Roberto Farnesi, il quale consegnerà l'ambito Amaretto d'Oro.

Il dolce alle mandorle però si 'allunga'. La festa non sarà solo l'8 dicembre, ma anche sabato 7: si terrà, sempre al Museo in via di Pelle, una sorta di anteprima, una cena speciale all'Amaretto preparata dallo chef Paolo Fiaschi di Papaveri e Papere. In questo caso l'amaretto non sarà protagonista solo nei dolci.

Il giorno dopo via alle danze e alla sfida. Sì perché, come ogni anno, gli Amarettai si confronteranno per aggiudicarsi l’ambito premio 'Amaretto d’Oro'. Novità dell’edizione 2018, confermata anche nel 2019, una gara tra i giovani studenti di Santa Croce, con il premio di 'Miglior pasticcere Kid'. Attenzione, dunque, anche ai più giovani: già da un mese e mezzo gli amarettai svolgono laboratori nelle scuole e il percorso si è concluso con un 'incontro' in cucina tra i più giovani e gli ospiti della casa di riposo di Santa Croce.

"Questa è una festa storica. La facciamo al Museo della Conceria per tenerla assieme a un'altra importante faccia della nostra identità. Valorizziamo la storia e la tradizione dell'amaretto aggiungendo una anteprima speciale" ha detto il sindaco Giulia Deidda. L'assessore Daniele Bocciardi ha aggiunto: "Con gli amaretti riveliamo l'operosità di Santa Croce. È bello che si unisca anche Staffoli grazie a uno degli influencer del vino più famosi in Italia, ovvero Stefano Quaglierini".

Laura Bilanceri, presidente CCN, ha proseguito: "Nove attività diverse esporranno all'interno del Museo. Promuoveremo i nostri prodotti e ci sarà anche un allestimento a tema". Il consigliere comunale Angelo Scaduto, presidente della Pro Loco, ha spiegato: "L'amaretto è prodotto tipico toscano con delibera regionale. Nasce nel nostro monastero e l'8 dicembre non è una data scelta a caso, ma quella in cui nel 1278 alla nostra Santa Cristiana è apparsa la Madonna. La festa quindi si collega alla nostra Beata".

La festa è organizzata dal CCN col sostegno e patrocinio del Comune di Santa Croce, in collaborazione con le associazioni no profit della zona e con Galasso Eventi. La gioielleria Baroni invece si occupa della realizzazione della nona edizione del premio Amaretto d'Oro, sia per i grandi sia per i 'Kid'.

Gianmarco Lotti

Tutte le notizie di Santa Croce sull'Arno

<< Indietro
torna a inizio pagina