Zona rossa, ecco quali negozi restano aperti

negozi aperti zona rossa

Da domenica 15 novembre la Toscana entrerà nella zona rossa assieme alla Campania. I toscani e i campani andranno a fare 'compagnia', per modo di dire, ai residenti in Calabria, Lombardia, Piemonte, Valle d'Aosta, Provincia autonoma di Bolzano.

Una situazione non troppo dissimile da quella del lockdown di primavera, ma con delle differenze notevoli. Soprattutto per quanto riguarda le attività che potranno rimanere aperte, sia dalla parte degli esercenti che dei clienti, ci sono alcune cose da sapere

Negozi aperti zona rossa, il dettaglio

Per quanto riguarda il commercio al dettaglio, rimarranno aperti negozi con commercio a prevalenza di alimentari e bevande (ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimenti vari), negozi di alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2) e rivendite di prodotti surgelati.

Fuori dai generi di prima necessità per la sussistenza, saranno aperti i negozi di computer, attrezzature per le teleceomunicazioni, elettronica di consumo ed elettrodomestici. Anche i negozi specializzati in vendita di sigarette elettroniche e liquidi da inalazione saranno aperti. Non chiuderanno le rivendite di carburanti, le ferramenta, le rivendite di vernici, vetro piano, ceramiche, piastrelle, materiali da costruzione.

Gli articoli igienico sanitari saranno disponibili alla vendita, come pure giochi in esercizi specializzati, articoli sportivi e per il tempo libero sempre in negozi specializzati.

Anche i negozi di illuminazione, sistemi di sicurezza, rivendite di auto, moto, parti e accessori saranno aperti.

Si potrà commerciare di macchine, attrezzature e prodotti per l’agricoltura e per il giardinaggio, come pure fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti. La biancheria intima, le calzature per bambini, i cosmetici e la profumeria, l'erboristeria, gli articoli ortopedici e medicali (da parafarmacia), materiali da fotografica saranno ancora disponibili. Gli ottici saranno aperti.

Potremo entrare anche nelle librerie, che nel primo lockdown furono promosse solo in un secondo momento, così come le edicole. Non potranno chiudere i negozi di rivendita di mangimi per animali domestici e anche la rivendita di animali stessi. Non è trascurata la pulizia e l'igiene, ovviamente, quindi saponi e detergenti saranno disponibili.

Per quanto concerne il commercio al dettaglio ambulante, potremo contare su quelli che vendono prodotti alimentari e bevande, (ortofrutticoli, ittici, carne) e quelli di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti. Inoltre saranno operativi anche quelli dedicati alla cura e all'igiene della persona e della casa (profumi e cosmetici, saponi, detersivi e altri detergenti) e quelli di  biancheria, confezioni e calzature per bambini e neonati.

Con l'affacciarsi dell'inverno si potrà acquistare il combustibile per il riscaldamento. Non chiuderanno i luoghi in cui acquistare articoli funerari e cimiteriali.

Rimane disponibile la vendita di articoli via internet (e-commerce), per televisione, per corrispondenza, radio, telefono e attraverso i distributori automatici (pensiamo ai distributori di sigarette).

Tra i negozi di servizi per la persona rimarranno aperte le lavanderie, anche quelle industriali, le tintorie, le pompe funebri. Novità: si potrà farsi barba e capelli, perché i saloni rimarranno aperti.



Tutte le notizie di Toscana

<< Indietro

torna a inizio pagina