San Matteo d'Oro a Simone Cristicchi, "uomo sensibile all'universo della sofferenza"

Continuano anche a Montopoli i festeggiamenti per Simone Cristicchi, cantautore presente per il Dramma Popolare 2021 con il suo spettacolo PARADISO - Dalle tenebre alla luce.

È stato premiato nella Sala Pio XII a Montopoli, con tante persone presenti ad assistere. A fare gli onori di casa il presidente dell'associazione Arco di Castruccio e del Dramma Popolare Marzio Gabbanini, Antonio Guicciardini Salini presidente della Fondazione CRSM, il vescovo Andrea Migliavacca che ha consegnato il San Matteo d’oro a Cristicchi e Valerio Martinelli, assessore Montopoli. Presente in chiusura anche il presidente della Regione Eugenio Giani, che ha concluso la cerimonia.

Così ha commentato il premiato Cristicchi: “Da piccolo mi chiamavano 100 lire, perché guardavo sempre in terra, alla ricerca delle cose piccole. Quella curiosità mi è rimasta, la ricerca delle piccole cose, e l’arte mi ha salvato la vita. Ho iniziato a disegnare a 10 anni, quando è morto mio padre, per scherzo, a scrivere delle storie tutte da ridere.

Ho disegnato per anni chiuso dentro a quella camera prima di ritornare nel mondo, inconsapevolmente mi stavo costruendo un ponte per tornare nel mondo reale, è stata una via di fuga la creatività e se non l’avessi trovata non sarei riuscito a superare quella ferita. Nei miei libri cerco di mettere una verità che possa arrivare al cuore di tutti. L’arte ma anche la religione se non riesce a risvegliare qualcosa nelle persone a ben poco serve”

La bellezza deve essere creata da tutti noi ma deve anche essere protetta. Non è la bellezza che salverà il mondo, siamo tutti noi che dobbiamo prenderci cura della bellezza. Potrei dire tante cose, sono molto emozionato, è bellissimo vedere una comunità viva e che risponde".

premiazione_san_matteo_oro_2021_07_24_1

premiazione_san_matteo_oro_2021_07_24_4

premiazione_san_matteo_oro_2021_07_24_10

premiazione_san_matteo_oro_2021_07_24_11

premiazione_san_matteo_oro_2021_07_24_12

premiazione_san_matteo_oro_2021_07_24_13

premiazione_san_matteo_oro_2021_07_24_14

premiazione_san_matteo_oro_2021_07_24_2

premiazione_san_matteo_oro_2021_07_24_3

premiazione_san_matteo_oro_2021_07_24_5

premiazione_san_matteo_oro_2021_07_24_6

premiazione_san_matteo_oro_2021_07_24_7

premiazione_san_matteo_oro_2021_07_24_8

simone cristicchi

Le motivazioni del San Matteo d'Oro

A Simone Cristicchi il Premio “San Matteo d’oro” per aver indirizzato la propria vicenda umana, culturale e professionale alla ricerca del senso della vita, di quei valori che la rendano degna di essere vissuta nella relazione con gli altri e con il Creato, di cui rivelare ed esprimere, con gioia, tutta la bellezza.

Per aver saputo intraprendere un cammino limpido, personale, autentico di conoscenza di sé e del mondo attraverso l’ascolto interiore, inseparabile da quello di chi , nella diversità di cultura, confessione religiosa ed etnica, stesse compiendo lo stesso percorso, così da misurarsi e incontrarsi sul terreno del dialogo, del sapere filosofico e spirituale, di valori e principi capaci di accomunare e non dividere.

La vasta umanità, l’onestà intellettuale, l’attenzione all’altro da sé, continuano a segnare il suo essere uomo sensibile all’universo della sofferenza, quella di chi abbia dovuto sperimentare il peso dell’isolamento, del rifiuto, dell’emarginazione, deciso a esplorarlo senza retorica, con profonda partecipazione umana.

Simone Cristicchi ha così testimoniato una vicinanza reale all’umanità dolente di chi abbia sperimentato la malattia psichica e la solitudine più drammatica, di quanti siano stati vittime di una follia storica, cacciati, privati della vita e della loro identità, oggetto del silenzio di anni, ma anche di chi abbia tenacemente lottato, per vocazione e per scelta, di stare dalla parte degli ultimi. Da qui la ricerca di una felicità che si sostanzia della gioia di conoscere, scoprire, lottare per scopi condivisi, amare, raddrizzare le cose che non vanno facendolo insieme.

Testi teatrali, musicali, narrativi, scritti, interpretati e diretti in prima persona, sono lo specchio più trasparente di un impegno in ogni direzione, attraverso più linguaggi, di una capacità creativa e immaginativa inesauribili, di una fedele coerenza a solidi principi etici, fortemente sentiti, vissuti, interiorizzati, testimoniati in qualsiasi occasione, lontano dai facili allettamenti di un mondo spesso legato all’esteriorità, all’apparire, per operare, invece, la scelta dell’umiltà, della semplicità, della pulizia morale, della serietà più profonda, della solidarietà più tenace.



Tutte le notizie di Montopoli in Val d'Arno

<< Indietro

pubblicità
torna a inizio pagina