Assistenza sanitaria per senza fissa dimora e preparazione alla cannabis: le proposte di legge di Melio (PD)

Iacopo melio Covid

“Stamani, in commissione sanità, sono state illustrate due Proposte Di Legge molto impattanti sul fronte sociale, entrambe accolte positivamente da quasi tutti i membri presenti”, commenta soddisfatto il consigliere regionale Melio (PD), primo firmatario della PDL 78 e della PDL 100.

“La prima Legge, come già annunciato, servirà a iscrivere i cittadini senza fissa dimora nei registri delle ASL territoriali, per poter così assegnare loro il medico di base e per offrirgli tutti quei servizi previsti dal SSN”, ricorda Melio la cui Legge è stata prima importata dall’Emilia Romagna e poi successivamente ampliata, rendendola ancor più specifica per la situazione toscana.

“La seconda, andando a modificare la legge 18 del 2012, vuole garantire ai medici di base toscani, all’interno del piano dell’offerta formativa continua finanziata dalla stessa Regione, un’adeguata preparazione in merito ai farmaci a base di Cannabis, in modo tale che questa cura venga utilizzata in maniera sempre più consapevole, laddove ce n’è bisogno mentre oggi, magari, non viene prescritta per ignoranza!”

All’audizione sono state sollevate domande da parte dell’opposizione che, comunque, hanno dimostrato apertura e condivisione, per questo la fase istruttoria può dirsi avviata nel migliore dei modi.

“Vorrei ringraziare il collega Antonio Mumolo che, con la sua attività politica e con il suo attivismo in materia, è stato fonte di ispirazione preziosa - conclude Melio -. E infine l’amico Enzo Brogi, consigliere che si occupò proprio della Legge 18 che adesso, emendandola, potrà essere ampliata.”



Tutte le notizie di Toscana

<< Indietro

pubblicità
torna a inizio pagina