Colatarci (Solvay) a capo della discarica di Scapigliato, lo sconcerto di Berti (M5S)

«Sconcerto e preoccupazione. Sono le reazioni immediate che mi ha suscitato l’aver appreso che Marco Colatarci, direttore generale di Solvay Italia, sarà il nuovo presidente della società che si occupa della discarica di Scapigliato a Rosignano Marittimo e che questi sarà affiancato da Alessandro Franchi, già sindaco del PD dello stesso comune, che verrà nominato Amministratore Delegato» è quanto afferma Francesco Berti, Deputato toscano del MoVimento 5 Stelle. Proprio in virtù di questi nuovi incarichi Berti ha depositato un’interrogazione parlamentare per chiedere al ministro l’opportunità delle nomine di Colatarci e di Franchi.

"Sono sconcertato dal fatto che – prosegue Berti - Daniele Donati, attuale sindaco di Rosignano Marittimo, abbia scelto per guidare la società che si occupa del polo impiantistico di Scapigliato il country manager di Solvay in Italia, società che sul territorio conoscono molto bene. Sono anni che il più grande impianto della multinazionale belga, presente nel piccolo comune toscano, inquina un lungo tratto di costa. I dati sono tristemente noti: nel solo triennio 2018-2020 la Solvay ha sversato nel mare di Rosignano 688 mila tonnellate di solidi sospesi tra cui 88,7 tonnellate di metalli pesanti quali mercurio, cromo e nichel ed il sito è stato inserito dalle Nazioni Unite (rapporto Unep/Who del 1999) tra i 130 siti più inquinati del Mediterraneo e tra i primi 15 luoghi costieri più contaminati d’Italia. Come segnalato dalla stessa ARPA Toscana il sito Solvay di 220 ettari presenta una contaminazione dei terreni, nonché delle acque sotterranee (falda superficiale e profonda) da arsenico, mercurio, composti organoclorurati e PCB. Tutto ciò – rimarca Berti - dimostra quanto sia inopportuna e preoccupante la nomina di Colatarci a Presidente di una società che si occupa di trattamento e smaltimento rifiuti e con cui la stessa Solvay in futuro potrebbe anche fare affari, considerando i progetti futuri che coinvolgono l’impianto di Scapigliato".

Prosegue Berti: "Come se non bastasse, alla nomina di Colatarci, si aggiunge quella di Alessandro Franchi, già sindaco PD di Rosignano Marittimo e attuale segretario provinciale dello stesso partito, che ricoprirà la carica di Amministratore Delegato. Per dieci lunghi anni, in qualità di primo cittadino, Franchi avrebbe dovuto adoperarsi per controllare le attività della Solvay a tutela dell’interesse pubblico. Solvay che proprio durante il suo mandato è stata messa sotto inchiesta per sversamenti illeciti in mare. Adesso e per i prossimi anni Franchi siederà accanto al direttore generale di Solvay Italia nel CDA di Scapigliato Srl. Trattasi di nomine frutto di un consociativismo tossico. Persone a cui toccherà gestire una società che prima di tutto dovrebbe occuparsi dell’ambiente. Visti i profili selezionati – conclude Berti – la preoccupazione è più che legittima".



Tutte le notizie di Castellina Marittima

<< Indietro

pubblicità
torna a inizio pagina