Detenuto prova a strangolare la moglie durante la visita, fermato dagli agenti

carcere san gimignano

Un detenuto con problemi di natura psichiatrica ha tentato di strangolare la propria moglie durante un colloquio visivo. È avvenuto nel carcere di San Gimignano, a renderlo noto è Stefano Sorice, Coordinatore Territoriale della UILPA Polizia Penitenziaria di San Gimignano.  Provvidenziale l'intervento degli Agenti addetti alla vigilanza dei colloqui che, con non poca fatica, che sono riusciti a bloccare l'uomo e mettere in salvo la donna vittima dell’aggressione. Il detenuto è stato posto successivamente al reparto isolamento in attesa di provvedimento

"Quello dei detenuti affetti da patologie psichiatriche nelle carceri italiane - spiega il coordinatore UILPA - è un problema annoso, paradossalmente aggravatosi a seguito della dismissione degli ospedali psichiatrici giudiziari, e che costituisce una delle principali vicissitudini del sistema penitenziario. Bisogna, dunque, che questa tipologia di detenuti venga ubicata in strutture adeguate invece di relegarne la responsabilità al carceree dagli agenti della Polizia Penitenziaria, non formati allo scopo e sui quali, talvolta, rischiano di riversare il proprio disagio, anche con frequenti e gravi aggressioni fisiche".

"Questi problemi - continua - vengono non di rado fronteggiati con il trasferimento dei detenuti da un penitenziario all’altro nel vano tentativo di allentare le tensioni quali, tuttavia, con una sorta di turn over dei soggetti problematici, inevitabilmente si ripresentano e pure in forma più grave. Questa O.S. intende inoltre denunciare l'abbassamento dei livelli di assistenza sanitaria nonchè specialistica nei confronti di questi detenuti, per la quale risulterebbero delle ore insufficienti a poter assolvere alla cura dei ristretti nell'ambito della salute mentale".



Tutte le notizie di San Gimignano

<< Indietro

torna a inizio pagina