Didattica in Valdicecina, l'evento 'Fare scuola insieme'

Si è svolta la mattina del 29 settembre 2022 la cerimonia inaugurale dell’anno scolastico 2022/23 che ha coinvolto le delegazioni delle scuole di Volterra e dell’Alta Val di Cecina.

L’evento dal titolo"FARE SCUOLA INSIEME" riassume in sé un ambizioso progetto: quello di lavorare in modo congiunto in un’area tanto ricca, quanto difficile da un punto di vista logistico e infrastrutturale. "FARE SCUOLA INSIEME" vuol dire avere obiettivi comuni per le comunità educanti, nel rispetto di specificità e differenze. L’iniziativa nasce al termine di un percorso inserito nel Piano Educativo Zonalefinanziato dalla Regione Toscana, condiviso con la Conferenza zonale dell’Alta Val di Cecina, il Centro Ricerca Educativa della Val d’Era, gli Istituti comprensivi di Volterra, Pomarance, Montescudaio e le scuole superiori di Volterra: il Liceo ‘Carducci’ e l’ITCG ‘Niccolini’. Un percorso articolato e complesso, sancito da un accordo di rete, che ha affrontato una serie di azioni di orientamento entro una logica di coinvolgimento ‘in verticale’ tra le scuole del primo e del secondo ciclo.

L’evento, che si è svolto all’interno del Liceo artistico di Volterra, si è caratterizzato per l’attenzione alla didattica polisensoriale e ad una fruizione/restituzione emozionale che passa per i cinque sensi.

Gli studenti della sezione Accoglienza turistica dell’ITCG ‘Niccolini’ hanno accompagnato il pubblico nell’aula magna del liceo per assistere alla performance dell’orchestra dell'IC Griselli Montescudaio che si è esibita con disinvoltura e professionalità nell’esecuzione dell’inno d’Europa, la Nona sinfonia di Beethoven e l’inno d’Italia il Canto degli Italiani di Goffredo Mameli.

I cori degli studenti dell'IC di Volterra hanno allietato il pubblico con sonorità swing e i canti Alla formica, di C. Ganzerla, Doeba di R. Venker e For just a little while di S. K. Albrecht.

Il coro dell'IIS Carducci ha invece affrontato Filastrocca, un brano inglese composto dagli stessi studenti sul tema della Famiglia Addams di V. Mizzy, Double Troble di J. Williams, per finire con Carmina Burana 196: in taberna quando sumus, in omaggio agli studenti del passato e del presente.

Durante la seconda parte della mattina, è seguita la visita all’esposizione EmozionArti, allestita con i lavori degli studenti dell’IC Tabarrini di Pomarance, e il lavori del Liceo Carducci con pitture estemporanee sul tema Senza confini: traduzione di emozioni musicali in visive ispirate ad alcuni celebri brani tra cui il Carmina Burana 196.

Al termine dell’esposizione, gli studenti della sezione alberghiera ITCG ‘Niccolini’ hanno offerto un brindisi ai presenti, accompagnato da gustosi appetizers, saporiti finger food e dolciumi preparati e cucinati dagli studenti stessi nell’ambito del progetto.

L’iniziativa è stata salutata a distanza dall’Assessore all’Istruzione della Regione Toscana, Alessandra Nardini, il vescovo mons. Roberto Campiotti e la dottoressa Anna Maria Braccini del Cred della Val d’Era.

Ospiti di riguardo, tra il pubblico, sono stati il sindaco di Volterra, Giacomo Santi, gli assessori all’Istruzione di Volterra e Pomarance Viola Luti (nella veste di presidente della Conferenza zonale) e Patrizio Pasco, la dottoressa Rossella Trafeli dell’Ufficio istruzione del Comune di Volterra, insieme ai dirigenti delle scuole dell’Alta Val di Cecina: la prof.ssa Nadia Tani dell’Liceo Carducci, la prof.ssa Laura Pineschi dell’IC Tabarrini di Pomarance, la prof.ssa Federica Casprini dell’ITCG Niccolini di Volterra e dirigenti vecchi e nuovi dell’IC di Montescudaio Antonella Mancaniello e Marco Benucci; insieme a dirigenti vecchie nuovi del’IC di Volterra la prof.ssa Rosa Laura Ancona e la prof.ssa Danila De Angelis: un passaggio di testimone nel segno di una forte e solida continuità di intenti educativi.

Fonte: Ufficio stampa



Tutte le notizie di Volterra

<< Indietro

pubblicità
torna a inizio pagina