Dieci lavoratori in nero e due irregolari, chiusa una confezione nel Pratese

Dieci lavoratori senza contratto e due irregolari sul territorio nazionale, oltre a criticità di carattere amministrativo e di sicurezza. È quanto scoperto dai carabinieri di Montemurlo in una fabbrica nella zona industriale di Oste. La confezione cinese da qualche tempo era finita nella lente di ingrandimento dei militari, che avevano notato un certo via vai di persone e mezzi in numero maggiore rispetto alle effettive potenzialità della fabbrica.

Il controllo interforze, coordinato dai carabinieri di Prato con il Nucleo ispettorato del lavoro, Inps, Asl, Vigili del fuoco e polizia municipale, ha confermato i sospetti. All'interno della confezione sono stati sorpresi oltre il doppio dei dipendenti, con 10 lavoratori privi di contratto e due irregolari in Italia, oltre alla presenza di rifiuti accumulati e all'assenza della documentazione di sicurezza di una caldaia. Denunciata la titolare della ditta per favoreggiamento del lavoro irregolare, l'attività è stata sospesa in attesa della regolarizzazione dei lavoratori in nero. I cittadini irregolari, di nazionalità cinese, sono stati segnalati all'ufficio Immigrazione per le procedure di espulsione. Le posizioni dei denunciati sono al vaglio della Procura della Repubblica di Prato.



Tutte le notizie di Montemurlo

<< Indietro

torna a inizio pagina