Fondazione CRSM, 8 progetti finanziati per oltre 400mila euro nel 2018

(foto gonews.it)
(foto gonews.it)

Sono oltre 400mila euro (402,5 per la precisione) i contributi erogati da Fondazione CRSM e Crédit Agricole Italia per i progetti sul territorio nati nel 2018, alcuni già conclusi altri da avviare, con finanziamenti che vanno in alcuni casi da considerare per l'arco di un biennio. La presentazione è stata fatta oggi a Palazzo Grifoni a San Miniato, sede della Fondazione, all'indomani della presentazione dei dati molto positivi che hanno riguardato l'istituto di credito che ha rilevato la Cassa di Risparmio a fine 2017.

Alla conferenza erano presenti Gianfranco Rossi, presidente della Fondazione, Massimo Cerbai, responsabile direzione regionale toscana CA, i sindaci di San Miniato e Santa Croce sull'Arno Vittorio Gabbanini e Giulia Deidda, il vicario generale della Diocesi Morello Morelli, responsabili della Vab San Miniato.

Nello specifico, ecco l'elenco dei finanziamenti

- Miglioramento sismico e sostituzione della copertura della scuola primaria 'Collodi' di Querce a Fucecchio, edificata nel 1950: 70mila euro su 140mila complessivi
- Restauro delle facciate della scuola media 'Banti' di Staffoli a Santa Croce: 30,500 euro su 61mila complessivi
- Acquisto fuoristrada 4x4 con modulo antincendio alla Vab San Miniato: 35mila euro su 45mila
- Restauro degli ambienti del Seminario vescovile di San Miniato per ospitare un consultorio, 80mila euro su 167mila in un biennio
- Restauro degli affreschi della facciata del Seminario di cui sopra: 42mila euro su 70mila (qui i dettagli su tutti gli interventi riguardanti la diocesi)
- Ripristino scalinata della chiesa del Ss.mo Crocifisso di San Miniato: 90mila euro biennale su 452mila di un progetto che comprende la ristruttazione dell'intera facciata della chiesa.
- Recupero degli affreschi di Dilvo Lotti sulla facciata della chiesa dei Ss.mi Giuseppe e Anna di Santa Maria a Monte: 13mila su 16mila euro
- Acquisto di due nuovi scuolabus a San Miniato: 42mila euro su 140mila

La Fondazione sul territorio

"Sono stati erogati in 25 anni oltre 50 milioni di euro, oltre 15 di questi per enti locali nell'area di riferimento tra Empoli e Ponsacco - spiega Rossi a inizio conferenza -. Sono cifre che sul territorio hanno avuto riscontri importanti, contiamo di essere ancora un punto di riferimento e di avere un ruolo non marginale sul territorio".

Cerbai spiega: "Abbiamo cercato di continuare una storia che ha dato tanto. Nell'ultimo anno abbiamo lavorato fianco a fianco con la Fondazione e abbiamo visto dei progetti interessanti, ce ne saranno altri da presentare. Questo è un territorio dove le istituzioni e le associazioni sono molto vive".

I progetti e la loro scelta

Sui progetti Rossi spiega: "Questo non è un anno zero, da alcuni anni andiamo avanti sulla direzione della progettualità. Nel 2008 quando sono entrato come segretario generale, erano presenti dei contributi ai comuni per la potatura degli alberi. Non abbiamo più fatto cose di questo tipo, lavoriamo sulle progettualità. Con le associazioni è stato più difficile, bisogna che questa storia finisca. Mi auguro che ci sia un salto di qualità sotto questo punto di vista. Il problema della progettualità è proprio dell'Italia".

Comunque ci sono segnali rassicuranti: "Negli ultimi anni l'erogazione media a fronte del contributo è stato tra i 12mila e i 15mila euro in generale. Per il 2018 la media è di  20mila euro".

I temi su cui si sono orientati i finanziamenti hanno riguardato principalmente la rimessa a nuovo delle scuole, "un tema su cui c'è stato molto battage nei quotidiani già dal governo Renzi" spiega Rossi, e le opere culturali da restaurare, con appunto anche un occhio all'associazionismo.

I commenti

Il sindaco di Santa Croce Giulia Deidda: "investire su cultura e scuola è in sintonia con la politica attuata dalla mia amministrazione in 5 anni, abbiamo dato 2 milioni di euro per l'edilizia scolastica sul nostro territorio. Alle volte l'offerta culturale è alta ma non corrisponde al contenitore, per questo abbiamo richiesto in passato interventi anche al teatro 'Verdi' di Santa Croce. La storia della Fondazione sta continuando bene, noi siamo sempre pronti per collaborazioni e abbiamo progetti già pronti per altri interventi".

Il collega Gabbanini: "Visti i risultati di Crédit Agricole Italia presentati ieri, non poteva che andare bene. Anche noi abbiamo tanti progetti pronti che potrebbero trovare finanziamenti, penso al rifacimento di piazza del Popolo, la ripavimentazione del centro storico, i giardini Migliorati. La banca ha fatto molto fin dal suo insediamento: penso ai 400mila euro per il rifacimento del palazzetto di Fontevivo nel quale giocando due squadre del territorio, inoltre sta concedendo i locali del giudice di pace in piazza Bonaparte gratuitamente".

Sul palazzetto Cerbai ha raccontato un interessante aneddoto che spiega il rapporto con il territorio: "L'Etrusca Basket, adesso in serie B, sta giocando con lo sponsor di Crédit Agricole a costo zero per noi. Ci hanno voluto ringraziare dei contributi al palazzetto".

Anche monsignor Morelli ha ringraziato le due istituzioni: "Piazza del Seminario è la più fotografata, anche lo scorcio tra Palazzo comunale e la chiesa del SS.mo Crocifisso è molto suggestivo. Servivano degli interventi in queste zone da troppo tempo lasciate andare".

E pure la Vab ringrazia: "La vostra fiducia non verrà tradita. Siamo stati a tutti gli interventi da Amatrice a Belluno, siamo molto visibili sul territorio".

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

Tutte le notizie di San Miniato

<< Indietro
torna a inizio pagina