Nuova vita per il bosco della Misericordia a Vinci

(foto gonews.it)
(foto gonews.it)

Il bosco della Misericordia di Vinci tornerà a splendere. Da pochi giorni sono iniziati i lavori dietro la sede per riqualificare il boschetto di circa 1000 mq, i volontari hanno fatto partire il tutto anche grazie a Cesvot. 'Il Bosco Ritrovato della Misericordia', questo il nome del progetto, ha ricevuto il finanziamento di un bando di Cesvot e proprio il centro per il volontariato ha preso a modello quanto proposto dalla Misericordia vinciana.

Non si parla solo di riqualificazione ma anche di turismo e partecipazione. La parte 'turistica' riguarda l'apertura di un percorso pedonale che dalla parte bassa di Ripalta conduce ai piedi del centro storico, sfruttando la posizione privilegiata del bosco. Sarà creata anche una zona di sosta con arredi e servizi per grandi e piccini. I lavori dovrebbero essere conclusi nei primi mesi del 2019, l'inaugurazione coinciderà con le celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci. Il bosco, poi, sarà fruibile da chiunque.

La partecipazione invece riguarda le associazioni che hanno partecipato al progetto. I proponenti sono la Misericordia come capofila ma anche l'Associazione Giovani Coppie della Parrocchia di Vinci, il Gruppo Fratres di Empoli e l'Avis di Cerreto Guidi. I partner sono molteplici e arrivano da Vinci e da tutto l'Empolese. "Il progetto vuole essere una prima pietra per la coprogettazione e l'inizio di una 'rete' col Comune e altre associazioni o enti" ha spiegato Federico Giorni, tra gli ideatori de 'Il Bosco Ritrovato'.

Partecipazione anche perché saranno i giovani e i volontari a dare una mano nella pulizia e nella ricostruzione del bosco. Era uno dei requisiti fondamentali nel bando di Cesvot, che ha finanziato l'opera con 5mila euro (oltre a 3.300 euro della Misericordia e 200 euro di Giovani Coppie). Andrea Panelli di Cesvot Empoli ha detto: "Questo è un grande esempio di buone pratiche. Le Misericordie non devono avere solo una vocazione sociosanitaria, ma tornare a lavorare a fianco delle amministrazioni comunali".

Soddisfatta anche Cristina Pezzatini, vice sindaco di Vinci: "Questo è un progetto lungimirante, l'associazionismo è una parte importante del tessuto sociale. Spesso ci rimproverano di avere pochi spazi verdi, ora non più grazie alla Misericordia". Il governatore Paolo Bruni ha infine affermato: "Metteremo volentieri a disposizione la struttura anche per eventi. Siamo fieri di questo servizio per la comunità".

Gianmarco Lotti

Tutte le notizie di Vinci

<< Indietro
torna a inizio pagina