In bici, a teatro e nell'area verde celebrando la donna: Vinci in 'rosa'

festa della donna 2019 vinci

Rosa come i fiori di pesco che sbocciano nella primavera che sta cominciando, rosa come il Giro d'Italia, rosa come il colore simbolo della femminilità, rosa come il colore dell'associazione Astro per la lotta contro i tumori nella donna. A Vinci tutto questo ha un legame: la Festa della Donna si tramanda con iniziative legate allo sport, alla salute, alla prevenzione e alla lotta contro le violenze.

Inaugurazione Giardino Nilde Iotti

Sabato 9 marzo si terrà l'inaugurazione del nuovo giardino intitolato a Nilde Iotti, sul lungarno di via Empolese a Sovigliana, dove si trova l'area fitness. L'appuntamento per il taglio del nastro è fissato per le 12. A seguire, ci saranno le letture dedicate alla figura di Nilde Iotti a cura dei ragazzi del laboratorio teatrale dell'Iis 'Ferraris-Brunelleschi', guidati dalla docente Silvia Desideri. “Nilde Iotti è una madre costituente ed è stata la prima donna nella storia dell'Italia repubblicana a ricoprire una delle tre massime cariche dello Stato - ricorda Iallorenzi - Rappresenta un esempio e con questa intitolazione come Amministrazione comunale colmiamo un vuoto e le rendiamo omaggio". La cittadinanza è invitata a partecipare.

Biciclettata in rosa

Il 16 marzo è tempo di salire sui pedali con la 'Biciclettata in rosa...aspettando il Giro d'Italia' organizzata su viale Togliatti e viale Da Vinci da Astro e Consulta delle donne, in collaborazione con Uisp Empolese Valdelsa. Il ritrovo è fissato alle 15.30 alla Casa del Popolo di Sovigliana e la partenza è alle 16.

Dopo il giro in bicicletta ci si ritroverà alle 17 alla Casa del Popolo per parlare di donne, sport, benessere e sani stili di vita, con il sindaco Giuseppe Torchia, l'assessore Sara Iallorenzi, Emanuela Marconcini responsabile area sport per tutti Uisp e Paolo Scardigli presidente di Astro. A conclusione del pomeriggio ci sarà un rinfresco a base di frutta, offerto da Astro.

"La bici come simbolo di emancipazione femminile e di salute fisica e psichica - spiega Emanuela Marconcini -, le donne spesso devono tralasciare l'attività fisica per dedicarsi alla famiglia e ai figli. Ma l'attività sportiva non deve essere mai sacrificata”. "Da assessore donna con la delega allo sport - ha spiegato Iallorenzi -, credo che le attività possano promuovere le pari opportunità, lo sport ha una grandissima importanza sociale, soprattutto sull'educazione dei giovani".

Spettacolo teatrale “Io sono”

Infine, il 31 marzo alle 21.15 nel salone della Casa del Popolo di Vinci capoluogo andrà in scena lo spettacolo teatrale 'Io sono', della drammaturga Rosa Iacopini, evento organizzato dall'associazione “L'acqua in gabbia”. La pièce affronterà la questione femminile, toccando temi come la vecchiaia, la solitudine, il lavoro e la paura legata a quseti tre aspetti.

“È il risultato del lavoro fatto con donne che non sono attrici - spiega Rosa Iacopini - ma che riescono dicendo cose vere a portare sul palco la propria personalità e i propri sentimenti. Ognuna parla di sé stessa”.

“Come sempre - aggiunge Maria Polizzotto, di L'acqua in gabbia - la nostra associazione promuove il dibattito sulle pari opportunità declinandolo attraverso la creatività. Lo fa dal lontano 1991: c'è ancora tanto lavoro da fare, perché le conquiste delle donne paiono scontate ma non è così".

“Ricordo che come Astro abbiamo organizzato insieme all'Orchestra Ferruccio Benvenuto Busoni un concerto lirico per l'8 marzo alle 21.15 al Teatro di Vinci, che ha il patrocinio dell'Amministrazione comunale - aggiunge Paolo Scardigli, presidente Astro - Alessio Cioni al pianoforte, la soprano Anna Fedorenkova e il tenore Giovanni Cervelli si esibiranno sulle musiche di Mozart, Verdi e Puccini. "Spero di poter ritrovare dopo le elezioni le stesse persone con cui abbiamo collaborato in questi 5 anni perché ci siamo trovati molto bene. Le donne sono come l'acqua in gabbia, non si accontentano mai dello status quo, tutti gli anni sono propositive per fare nuove iniziative.

“Un sentito ringraziamento alla Consulta delle donne - conclude Iallorenzi - con cui in questi 5 anni di mandato amministrativo abbiamo lavorato tanto e bene, in armonia e sintonia, organizzanto tante belle iniziative”.

 

Tutte le notizie di Vinci

<< Indietro
torna a inizio pagina